giovedì 9 febbraio 2017

Treccia a gabbia

Da quando ho ricomprato la spazzola sciogli-nodi Tangle Teezer che avevo perso e della quale avevo fatto a meno per un lungo periodo, ho riscoperto il piacere di acconciarmi i capelli.
Ebbene, a questo ha contribuito anche l'uso costante di impacchi di hennè, che hanno di gran lunga reso i miei capelli più disciplinati del normale.

Questa treccia, cosiddetta "a gabbia" la realizzavo da dietro su me stessa, contorcendo e stirando le braccia peggio di una contorsionista.
Di recente ho trovato su internet, guardando video tutorial sulle acconciature, un metodo inverso, che permette di realizzarla davanti e di rivoltarla all'indietro, una volta completato il lavoro di intrecciamento.
Riesco a farla in meno di 5 minuti, pur avendo una cospicua massa di capelli e viene assolutamente perfetta, potendola gestire quasi come se la si facesse su di un'altra testa che non è la mia.

Ciò che mi ispira è di inserirla in un contesto medievale, su un personaggio femminile della saga di re Artù.
Prossimamente ne farò un tutorial in cui vi spiegherò come realizzare agevolmente questa acconciatura, indossando qualcosa di più appropriato rispetto alla tuta che ho in questa foto per stare comoda a casa.

Mi piacerebbe appunto contestualizzarla, così come ho fatto con l'acconciatura di Sissi.
State connessi!
Prossimamente su Angela Biotrucco Youtube!












Nessun commento:

Posta un commento